Home

 

Aggiornato al 22 giugno 2017

logo_800

Muli de Fiume, de Zara, de Pola, de Lussin, de Pisin, e tutti i altri, muli del Tommaseo, eccone qua’ fegatosi, ingropai, senza cavei, ma liberi e bei.Professori, dotori, piloti, colonei, generai, coghi, marineri, comandanti, ingegneri, bancari, industriali, cantautori, i xè rimasti a casa, neri, rossi, rosati che sia: qua semo noi del Tommaseo guardemose ben nei oci, ciolemose per culo, femo due ridade, contemose i ani pasadi, mi qua ti là ciò mi ciò ti, senza butarla tropo in nostalgia, lasemoghela ai veci.Ricordemo l’aventura de Brindisi, l’aria de quel toco de tera tuto nostro, dove gavemo podu’ cantar e parlar de novo quel che volevimo in ‘sto nostro franco dialetto, studiar latin, filosofia, navigazion e ragioneria, zogar ancora un par de ani, alzarse dopo el ribalton andar per el mondo, magari in zavate e capel de paja.Fin che l'ultimo sarà!Lazise, 11 Ottobre 1986.

muli-raduno-2016web Gruppo dei partecipanti al raduno di Garda del 2016

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica perché è aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001. Le immagini, i video e gli audio sono tratti dal web, valutati quindi di pubblico dominio. Se non desiderate che qualche vostro contenuto appaia su questo sito, contattateci per e-mail ( info@mulideltommaseo.it) e provvederemo a rimuoverlo.